Fil

It's not over till it's over

Salita al passo Manghen (2042mt slm)

7 commenti

Oggi finalmente la mia costanza è stata premiata. A dispetto di un meteo variabile e piovoso che spesso ha caratterizzato l’estate, ho continuato ad allenarmi con convinzione, e nonostante tutto sembrasse sfumare nel nulla, finalmente oggi sono riuscito a salire sulla “mia” salita: il passo Manghen. C’ero già stato altre 5 volte (l’ultima nel 2006): ogni volta che faccio queste pendenze, le emozioni sono sempre nuove.. ma allo stesso tempo profumano di ricordi..

La giornata è stata generosa con un cielo limpido, anche se devo dire la temperatura durante tutta l’ascesa era veramente bassa. Ho iniziato la salita in punta di piedi, con rispetto, perchè sapevo che le difficoltà di questa salita sono molte: il dislivello, la lunghezza e soprattutto gli ultimi micidiali 7 km con pendenza media che sfiora sempre il 10%.

Partito da Borgo Valsugana, dopo un tratto iniziale di “riscaldamento”, poco prima della Val Calamento le pendenze hanno cominciato a fare sul serio. Prima e dopo il paese di Calamento si superava abbondantemente il 10% di media.

Arrivato al 16° km è iniziata la “rumba” finale. Dalla malga Valtrighetta in poi, è stata tutta un’ apnea fino in cima, con la strada sempre più stretta, i tornanti sempre più serrati, e il rapporto della bici che faceva onore all’intestazione del mio blog.

L’ultimo tratto è stato il più difficille, con una leggera crisi di gambe tra il 17° e 19° km, però è stato anche il più bello, con il bosco che si diradava sempre più, e con la cima che iniziava a farsi vedere in lontananza.

Gli ultimi 2 km li ho pedalati bene, non in affanno, e con una certa riserva ancora in corpo. Fare “queste” salite mi fa sempre bene e mi ripaga di tutti gli sforzi e i sacrifici fatti per prepararle.

Sul passo la temperatura era molto bassa (credo vicina ai 10°). Nonostante i manicotti e il giubbettino antivento, la discesa è stata veramente sofferta (più della salita). Ma arrivato a Borgo tutto è stato ripagato. In fondo avevo ragione qualche giorno fa quando pensavo che “non era finita, finchè non era finita..”

Autore: Filippo

Quando Marino Basso ha vinto il mondiale di Gap avevo poco più di un mese. Sono ciclista per passione e tradizione di famiglia. Quando esco in bici riesco a non pensare a niente. E' uno stato privilegiato. Di silenzio, pace, serenità. L'unica cosa che riesco a percepire, è il ritmo del mio respiro. Quello che mi fa sentire veramente vivo.

7 thoughts on “Salita al passo Manghen (2042mt slm)

  1. Nonostante le cupe previsioni, ce l’hai fatta ad addentare le salite che volevi.
    Mai dire mai..😉

  2. Filippo, non farmi questo….sioken. Qué envidiaaaa….

  3. Bravo Filippo! Ce l’hai fatta! Un grosso bacio

  4. Chi la dura la vince.
    Sono felice per te!

  5. Greetings from Los angeles! I’m bored at work so I decided to browse your website on my iphone during lunch break. I really like the knowledge you provide here and can’t wait to take a look when I get home.
    I’m amazed at how quick your blog loaded on my cell phone .. I’m not even using
    WIFI, just 3G .. Anyways, great site!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...