Fil

It's not over till it's over

Monte Corno-Asiago-Rotzo-Pedescala 105km 2096mt 4h57′

1 Commento

Finalmente oggi dopo tanti tentativi sono riuscito a uscire con Roby “il prestigioso” (detto così per aver completato 3 volte il Prestigio, ma soprattutto per aver finito per due volte la gran fondo più dura in assoluto: la mitica Oetztaler Radmarathon). Ci siamo portati verso Piovene Rocchette e da lì siamo partiti in direzione Calvene, dove inizia la salita del Monte Corno (altro versante di approccio all’altipiano di Asiago).

La giornata era veramente splendida. Sole e cielo terso ci hanno accompagnato per tutto il giro. La salita del Monte Corno è sempre tra il 7 e l’8% (con qualche tratto oltre il 10%) quindi molto regolare e pedalabile. Il traffico è quasi inesistente e si sta quasi sempre al fresco del bosco.

Appena scollinato, c’è stato un lungo tratto in discesa che ci ha portato sulla ss che sale da Lusiana e poi da Conco (il classico “costo“). Qui abbiamo incrociato molti ciclisti e gruppi di simpatizzanti: si vedeva che era la settimana di Ferragosto. Arrivati alla rotonda del Turcio, abbiamo svoltato per Gallio con un continuo saliscendi molto esposto al vento. Scesi verso Asiago (che abbiamo solo sfiorato) siamo saliti verso Camporovere, dove ho avuto la fortuna di incontrare un mio carissimo vecchio amico originario di questo paese: Don Cristiano. E’ stato bello rivederlo e ci siamo dati appuntamento per una giornata al sole dell’altipiano, con un bel pezzo di formaggio del caseificio Pennar.

Abbiamo proseguito per Rotzo e Mezzaselva, facendo altri simpatici incontri (vedi foto sopra) e qui mi si è un pò spenta la luce. In realtà ero uscito anche ieri ed era un pò prevedibile che pagassi lo sforzo. Però ho continuato con il mio ritmo, lasciando che Roby “sgasasse” sulla salita che porta al Rifugio Verenetta. Ricongiunti insieme, ci siamo buttati verso Pedescala, con 17 tornanti molto panoramici e tecnici. L’ultimo tratto in falsopiano verso Piovene è stato tutto controvento e se fossi stato da solo, l’avrei pagato ancora più salato.

Una giornata splendida, nonostante la grande fatica fatta. Uscire in compagnia è decisamente più bello, oltre che meno faticoso. Ora bisogna recuperare le energie, perchè sabato probabimente torniamo per un altro bel giro verso Tonezza e il Passo Coe.

Dettagli Garmin: Monte Corno-Gallio-Camporovere-Rotzo-Pedescala

Autore: Filippo

Quando Marino Basso ha vinto il mondiale di Gap avevo poco più di un mese. Sono ciclista per passione e tradizione di famiglia. Quando esco in bici riesco a non pensare a niente. E' uno stato privilegiato. Di silenzio, pace, serenità. L'unica cosa che riesco a percepire, è il ritmo del mio respiro. Quello che mi fa sentire veramente vivo.

One thought on “Monte Corno-Asiago-Rotzo-Pedescala 105km 2096mt 4h57′

  1. Su segnalazione di Roby in persona ho corretto il numero dei “prestigio” completati: sono 3 e non 2. Non mi pare una differenza da poco!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...