Fil

It's not over till it's over

In bici al lavoro

Lascia un commento

andare-a-lavoro-in-bici-800x500_c“Buone notizie (all’orizzonte) per i ciclisti-lavoratori. La proposta di legge che chiede il risarcimento dell’infortunio in caso di incidente in bici durante il tragitto casa-lavoro è stata approvata dalla Commissione Ambiente del Senato e adesso deve essere discussa in aula.

A farsi promotore di questo emendamento è il deputato Diego Zardini (Pd) che spiega come la proposta sia stata approvata con larghissimo consenso e che lo stesso Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, assicura che presto sarà calendarizzata tra i lavori del Senato. “L’obiettivo della legge – chiarisce Zardini – è quello di capovolgere la legislazione attuale che riconosce l’infortunio in itinere (nel tragitto casa-lavoro e viceversa)  solo in caso di assenza dei mezzi pubblici di trasporto, non percorribilità a piedi del tragitto casa lavoro e comunque solo per incidenti avvenuti all’interno di piste ciclabili. È evidente che si tratta di una norma anacronistica e per questo chiediamo che venga estesa la copertura assicurativa e quindi il pagamento dell’indennizzo per l’uso quotidiano della bici e non solo per un uso ‘necessitato’ come prevede la legge attuale”.

La proposta di legge è stata presentata in Parlamento nel 2014 dopo una raccolta firme promossa dalla Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) che con la campagna  “In itinere”sin dal 2007 si batte per vedere riconosciuta la tutela, legale ed assicurativa, di chi subisce un infortunio in bicicletta durante il tragitto casa-lavoro.

“L’emendamento con cui di fatto si chiede l’equiparazione della bicicletta al trasporto pubblico ha un profilo ampio – commenta il deputato Zardini – perché pone l’attenzione nei confronti dell’ambiente, della salute dei cittadini, dei centri urbani e dei lavoratori”.

La mobilità sostenibile su bici riduce l’uso di trasporti pubblici su ruote e rotaie, moderando così il consumo di carburanti e la produzione di anidride carbonica ed è quindi in grado di migliorare la qualità della vita delle persone e delle città.” (cfr.Terranuova)

Non occorrono investimenti, proclami o spese folli per incrementare il trasporto pulito: basta fare con quello che già si ha. Se si vuole.

Autore: Filippo

Quando Marino Basso ha vinto il mondiale di Gap avevo poco più di un mese. Sono ciclista per passione e tradizione di famiglia. Quando esco in bici riesco a non pensare a niente. E' uno stato privilegiato. Di silenzio, pace, serenità. L'unica cosa che riesco a percepire, è il ritmo del mio respiro. Quello che mi fa sentire veramente vivo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...