Fil

It's not over till it's over

Automobilista suca!

Lascia un commento

10a937939a89c005898ece9f2d16ec7f

In questi giorni in centro c’è stata una retata da parte dei vigili nei pressi di via San Francesco, per i ciclisti che “passavano” con il rosso. Si tratta di un incrocio piccolo e stretto dove “passare con il rosso” non comporta nessun pericolo e nessuna situazione di disagio per alcuno: il famoso “rosso controllato”. Se ne parla qui. Fin qua nulla di strano. Fa parte della politica intimidatoria, ignorante e miope dell’amministrazione comunale, “forte con i deboli e debole con i forti”, che tende a perseguire la mobilità sostenibile a vantaggio dell’ignoranza medioevale di chi vuole sempre avere la macchina sotto il culo.

La cosa invece preoccupante sono i commenti all’articolo, o agli articoli del genere, dove si scatenano sempre gli idioti automobilisti, paladini della giustizia e del rispetto della legge (quando gli fa comodo) contro i “fuorilegge” ciclisti.

Ovviamente nessuno In Italia si può permettere di parlare di senso civico e rispetto delle norme, quindi almeno si dovrebbe valutare ogni volta l’entità dell’infrazione rispetto all’eventuale danno provocato. Non ho mai sentito di un ciclista che investe un pedone mandandolo all’ospedale, né di un passaggio in bici col rosso in un incrocio trafficato, che causa degli incidenti. L’unico danno provocato è far perdere la pazienza ai culoni degli automobilisti, impegnati, quando fa loro comodo, a far rispettare “il codice della strada”.

Il limite di velocità, che NESSUNO RISPETTA, è responsabile di un buon 80% degli incidenti, con danni evitabili se solo si procedesse secondo le norme. Ma il rispetto delle regole in Italia è una chimera, con l’aggravante che diventa un’abitudine consolidata. Per quanto mi riguarda se vai forte oltre i limiti e ti schianti, sono cazzi tuoi (a parte doverti soccorrere, come mi è capitato l’altra sera con un coglione in scooter che aveva preso la strada per una pista da decollo).

Io se posso, con il semaforo rosso, svolto sempre a destra ai semafori senza attendere il verde (cosa peraltro legale nei paesi civilizzati europei) e impegno qualsiasi incrocio o passaggio pedonale senza attendere nessuna precedenza, dopo essermi assicurato di non arrecare nessun potenziale danno. Se un’area è pedonale, ci corro e non scendo dalla bici, basta ovviamente farlo con attenzione e senza causare pericoli. Dove sta il problema? Che non rispetto le regole?

Allora siccome nessuno in Italia le rispetta, perché siamo un popolo di zotici ignoranti, facciamo una graduatoria tra tutte le infrazioni e vediamo quali sono le più pericolose, per chi le commette e per le persone che le subiscono. Per inciso se un decerebrato impegna un incrocio a 80km/h e si schianta da solo, spero che ci resti sul colpo, anche perché le spese mediche per la sua riabilitazione ricadono sempre sulla società e non sono gratis (anche se qualcuno continua crederlo).

Per concludere la solita riflessione che faccio sempre: se vado in bici, non inquino e il mio impatto ambientale è zero. Quindi caro automobilista stai schiacciato e pensa a tuo figlio: non farlo diventare un arrogante maleducato come te. Se ci pensi, ce la puoi fare (e questo è il problema purtroppo).

 

Autore: Filippo

Quando Marino Basso ha vinto il mondiale di Gap avevo poco più di un mese. Sono ciclista per passione e tradizione di famiglia. Quando esco in bici riesco a non pensare a niente. E' uno stato privilegiato. Di silenzio, pace, serenità. L'unica cosa che riesco a percepire, è il ritmo del mio respiro. Quello che mi fa sentire veramente vivo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...