Fil

It's not over till it's over

Giro 2017 di salite

3 commenti

t18_ortisei_alt_mediagallery-pageCon la diretta web (decisamente preferibile rispetto al deprimente spettacolo televisivo) è stata presentata l’edizione n.100 del Giro d’Italia. Come da tradizione ci saranno molte salite, soprattutto molto distribuite lungo l’intero percorso, in modo da rendere la corsa sempre interessante e vivace (si spera). Un giusto numero di km a crono, l’assenza (deo gratias) della inutile crono-squadre e, forse, un po’ troppi trasferimenti (come sempre). Non è sempre necessario fare TUTTO il Giro d’Italia, ma si sa che la corsa va dove ci sono i soldi.

Immancabile la presenza dello Stelvio (lo togliessero un anno!), sperando che il meteo sia amico e non nevoso e rigido, altrimenti il buon Vegni ha già la tappa di riserva pronta.

t20_asiago_alt_mediagallery-pageI big si sono subito detti entusiasti del percorso e hanno lasciato aperta la porta alla loro partecipazione. Ma al di là delle dichiarazioni di facciata, non credo che confermeranno la loro presenza. Froome non mollerà il sicuro e noioso Tour de France, per cimentarsi con le salite vere. Lui ci vorrebbe provare anche, ma poi il management Sky gli consiglierà di rimanere sul sicuro TGV che porta alla gloria di Parigi. Gli altri (a parte Quintana) potrebbero anche farci un pensierino. Nibali, Aru e Contador devono scegliere quale corsa “sperare” di vincere e visto che il Tour è già prenotato dalla coppia colombiano-keniana, rimangono solo il Giro e la Vuelta.

Per noi appuntamento al penultimo giorno sul Monte Grappa, versante Seren, con la bellissima scalata finale di Foza e arrivo ad Asiago (chissà che sia la volta buona che riasfaltino la strada)

Autore: Filippo

Quando Marino Basso ha vinto il mondiale di Gap avevo poco più di un mese. Sono ciclista per passione e tradizione di famiglia. Quando esco in bici riesco a non pensare a niente. E' uno stato privilegiato. Di silenzio, pace, serenità. L'unica cosa che riesco a percepire, è il ritmo del mio respiro. Quello che mi fa sentire veramente vivo.

3 thoughts on “Giro 2017 di salite

  1. Dove consigli di aspettare i girini?

    • Dunque. Secondo mio padre, grandissimo esperto del settore “dove mettersi a vedere i ciclisti quando ci sarà battaglia” il punto ideale è sulla salita di Foza, dall’8° all’11° km dove la pendenza sale. Inizia in particolare in un tornante a destra. Lì la strada picchia e chi vuole fare bagarre partirà li. Consiglierei di salire in bici, così poi una volta passati, scendi a Valstagna e poi Bassano, evitando traffico veicolare vario.
      Magari ci vediamo li insieme!
      Fil

      • Tuo padre è un vero intenditore! La salita è una delle mie preferite (stavo per scenderci oggi, poi sono andato giù per Enego…) ed effettivamente quel punto è il più ripido, credo sia dopo il 20° tornante.
        Save the date 28/05/2017
        A presto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...